Le altre associazioni

Tutti gli obbiettivi della Pro Loco sono resi possibili grazie alla stretta collaborazione delle altre associazioni del territorio!

 

CIRCOLO CULTURALE E SPORTIVO NOSELLARI  (CCSN)

Il CCSN nasce formalmente il 10 aprile 1978 a Rovereto, nello studio del notaio Guido Falqui Massidda; di fatto però, già da tempo un gruppo di giovani si stava impegnando nella vita sociale del paese e cogliendo l’occasione dello scioglimento dell’ufficio turistico, hanno voluto dare vita costitutiva all’associazione che negli anni futuri avrebbe caratterizzato l’intero paese. Facendosi interprete di tutte le esigenze del paese, il CCSN fin dalla sua nascita, è diventato ed è tuttora, il fulcro attivo del paese garantendo e organizzando attività di vita sociale e quotidiana che coinvolgono in maniera attiva e fattiva Nosellari e tutte le sue frazioni. Se nei primi anni della sua attività gli aspetti culturali, dettati anche dal specifico periodo di attivismo giovanile mondiale, erano predominanti (vedi l’organizzazione del Festival Giovani di 3 giorni che ha portato in paese migliaia di giovani da tutto il Trentino e dal Veneto,  la messa in opera di spettacoli teatrali di alto livello con interpreti del calibro di Renzo Francescotti e Andrea Castelli nonchè concerti di valenza nazionale con i Nomadi, Inti Illimani, Los Andariegos, Camerini ecc…) nel proseguimento della sua attività è diventato sempre più interfaccia diretta con gli enti istituzionali fino a rappresentare la Consulta frazionale nei confronti del comune di Folgaria.

L’attività di intrattenimento turistico, oltre all’organizzazione di tutte le serate musicali,  vede il suo apice nel mantenimento delle storiche Feste Campestri che dopo più di 40 anni sono diventate fiore all’occhiello del paese, viste da tutti  come modello organizzativo di primo piano di tutto rispetto per un paese così piccolo come Nosellari. L’ambito del divertimento legato al concetto di una socialità conviviale, vede l’organizzazione annuale di gite e momenti d’incontro che nel corso degli anni hanno portato numerosa gente a visitare gran parte dell’Italia, molte nazioni europee e persino paesi del Medio Oriente. La cultura seppur di difficile attuazione e poca attrazione, vede la pubblicazione del libro “Paese Mio” circa 25 anni or sono, seguita dalla pubblicazione di un secondo libro, più corposo, più dettagliato, più “moderno”, sulla storia di Nosellari dalla preistoria ai giorni nostri. Il recupero delle antiche tradizioni come la Gara dei Segadori, il Tiro ai Ovi a Pasqua, l’arrivo di Santa Lucia con l’asinello, le serate dedicate alla filatura della lana e del lino, la lavorazione del latte, le 14 bacheche della memoria (percorso storico all’interno del paese)e le proposte alla scoperta degli antichi sapori di una volta come El giro dei Volti d’inverno, sono solo alcuni degli spunti e delle idee che di volta in volta vedono l’associazione in prima fila. Nel 2013 nell’ambito delle celebrazioni del centenario della Grande Guerra, nasce l’idea di riportare alla luce vecchie trincee e scomparsi camminamenti che avevano vissuto direttamente gli orrori del conflitto; è nato così il Giro delle Trincee, gradevole percorso di circa 2 km che si sviluppa nella zona sottostante il paese. Non manca il supporto e l’impegno sportivo con l’organizzazione dell’ultra decennale Torneo di Calcio a sette e della gara di MTB Nosellari Bike inserita nella tre giorni della  100km dei Forti Millegrobbe.

 

CIRCOLO PENSIONATI ED ANZIANI

Nasce il 7.10.2013 con sede al piano terra del Centro Civico di Nosellari. È iscritto all’Associazione dei circoli ANC e SCAO e al Coordinamento provinciale dei circoli. È nato come luogo di ritrovo a causa della chiusura di tutti i bar del paese. Si tratta di un bar aperto cinque ore al giorno gestito dagli anziani del paese. Oltre ad essere molto frequentato dalle donne e dai giocatori di carte svolge attività formative e ricreative. Inoltre partecipa alle varie attività del Circolo Culturale e Sportivo e in proprio organizza tornei di bocce e gite ricreative e culturali. È un’associazione non a scopo di lucro con le finalità di: valorizzare il ruolo dell’anziano; promuovere dei soggiorni marini, gestire la sede del circolo; promuovere iniziative sociali, culturali, ricreative, sportive e turistiche in collaborazione anche con altre associazioni. Nel 2017 sono stati fatti due tornei di bocce, un torneo di briscola e uno di dobelon, una tombola e ben tre gite ricreativo-culturali.

 

GRUPPO GIOVANI CARBONARE

A primavera 2015, dopo la lettera inviata a tutti gli under 35 di Carbonare, con l’invito di incontrarsi per fare una chiacchierata sul nostro paese, ci siamo resi conto che a molti dei partecipanti sarebbe piaciuto fare qualcosa in più per il nostro territorio. Tutto è nato così e la prima scommessa del gruppo è stata organizzare il primo evento, il torneo di pallavolo a fine luglio. Così sulla cresta dell’onda a novembre ci siamo fondati e abbiamo iniziato a parlare del futuro del gruppo e di cosa si poteva fare! Abbiamo iniziato la promozione del nostro paese, organizzare eventi per i Carbonaroti e per gli ospiti. Gestiamo con orgoglio il nostro splendido parco e la sala convegni del nostro centro civico , collaboriamo con le realtà vicine e cerchiamo di rifare vivere Carbonare e L’Oltresommo.

 

GRUPPO GIOVANI SAN SEBASTIANO

Gli anni che dal 1970 corrono verso il 1980 sono gli anni delle attività culturali, degli scontri ideologici, della politica come momento di verifica e di crescita. Le idee camminano e prendono forma. La nascita del G G SS va inserita in un preciso contesto storico, dove tutto era in fermento, dove l’associazionismo era forte, ed ogni paese cercava di caratterizzarsi per costruire momenti di aggregazione di verifica di forte solidarietà. Il primo gruppo fu il GEM (Gruppo Ecologico Mezzomonte), che guardava già allora ad una politica Green, che organizzava dibattiti e serate speciali. C’è poi stato il gruppo Culturale e Sportivo di Nosellari un corollario di iniziative, concerti, vite parallele, coinvolgimento dei giovani in prima persona. San Sebastiano non poteva stare alla finestra a guardare ed ecco spuntare, nel 1975, dai larici del Comp il GGSS, un insieme misto, poco coordinato ma dinamico. Si cominciarono a mettere in cantiere manifestazioni, a fare teatro, persino a pubblicare un mensile con il nome di FREE (Libero). Momenti epici e magici puntellati da uno spirito collaborativo e di forte solidarietà. Uno dei cavalli di battaglia del gruppo Giovani è stata la Camoa, marcia non competitiva di 10km che ad anello circuiva San Sebastiano e le frazioni limitrofe passando per le appendici del monte Cornetto. Questo evento è stato organizzato per ben 40 edizioni. Negli ultimi anni l’associazione ha cambiato un po’ stile ed è stato ringiovanito il direttivo. Oltre all’organizzazione di concerti e momenti conviviali, si è cercato di creare manifestazioni uniche nel loro genere: ad esempio la Biroci’race (gara di trabiccoli senza motore lungo l’abitato di San Sebastiano) oppure la SenseStreet (gara di sci e snowboard freestyle su una pista di neve vera allestita lungo la strada del paese). Ultima idea nata dal Gruppo Giovani è stata la Degustando l’Oltresommo, inizialmente si voleva rinnovare la Camoa, rendendola una marcia enogastronomica, ma vista la possibilità di creare una camminata ancora più completa passando per tutte le frazioni del l’Oltresommo si è deciso di interpellare le associazioni di Tezzeli, Cueli, Carbonare, Prà di sopra e Nosellari. Il risultato è stato di gran lunga al di sopra delle aspettative. Oltre a nascere una manifestazione meravigliosa, è iniziato un dialogo tra frazioni che fino qualche anno fa non esisteva. Già nell’ultima edizione il GGSS ha passato il testimone organizzativo alla Proloco Di Nosellari e Oltresommo per questioni strutturali e burocratiche. Dal 2018 l’associazione vorrebbe improntare le future manifestazioni su un progetto ben definito: Ad ogni Stagione la sua Tradizione. L’idea è di non far morire le ultime Tradizioni rimaste e soprattutto di andare a riscoprire gli usi e costumi di una volta rievocando riti e usanze che negli anni si sono succedute nel paese di San Sebastiano. Il gruppo Giovani durante l’anno ha in gestione sia il campo sportivo che il centro civico e ne garantisce la manutenzione. Inoltre installa le luminarie per le festività natalizie e mantiene percorribili alcuni sentieri nei dintorni del centro abitato. Tra le rapide di un fiume che corre al mare, il Gruppo resiste (uno dei pochi sugli altipiani) e, con rinnovato spirito, sa ancora progettare con moderna visione il futuro della montagna e della sua gente.

 

ASSOCIAZIONE MASO TEZZELI

L’ associazione ha come scopo:
a) la conservazione e la gestione dei beni comuni della frazione, costituiti da boschi, prati e dall’acquedotto che alimenta la frazione;
b) la promozione di iniziative comunitarie;
c) lo sviluppo di iniziative di solidarietà tra i componenti della comunità.

 

ASSOCIAZIONE NOI DEI CUELI

Cueli, piccolo villaggio cimbro adagiato sulle sponde del torrente Astico, nasconde tanti piccoli tesori della cultura contadina delle nostre montagne.

C’è il Mulino dei Pistori, costruito alla metà dell’Ottocento, un tempo funzionante anche come panificio. Oggi è un allestimento museale aperto al pubblico, luogo di interesse del percorso tematico “Il  sentiero dell’acqua”.  Camminando per Cueli troviamo case antiche, fontane di sasso, legna accatastata, piccoli orti, una trabacola per la ferratura delle mucche, vecchi frassini, sentieri scoscesi che raccontano di un tempo in cui la vita era molto diversa, in cui i ritmi del vivere segnavano le stagioni. In inverno la neve cade ancora dolcemente e rimane bianca per tutta la stagione, a primavera il tarassaco fa risplendere i prati, d’estate il profumo di sambuco delizia l’animo e, in autunno, una tavolozza di colori caldi abbraccia ogni cosa.

Poche persone ora vi abitano stabilmente, portando avanti con tenacia e amore le tradizioni, la cultura, i pensieri di un tempo lontano, per trasmetterlo alle nuove generazioni e agli ospiti. A Cueli, da sempre, tutti possono trovare accoglienza, cordialità, allegria.

Dal cuore della gente di Cueli nasce la volontà di unirsi in un gruppo, chiamato “Noi dei Cueli”, tratto dall’omonimo libro dal titolo “Noi dei Cueli e le Nostre Stagioni”. Il gruppo da qualche anno organizza e collabora nella realizzazione di varie attività culturali e ricreative, per mantenere viva la storia e la memoria di questa terra.

Le principali attività sono:

  • Degustando l’Oltresommo (passeggiata culturale e enogastronomica);
  • eventi nel Mulino Cuel (attività didattiche con le scuole del territorio e con Apt Alpe Cimbra, concerti, mostre di ricamo, serate di poesia, presentazione di libri …);
  • collaborazione nella realizzazione di video promozionali e storici del territorio (cortometraggio “il Ricamo dei giorni” di Micol Cossali, video che racconta la vita delle donne degli Altipiani, tra passato e presente);
  • presepi illuminati alla finestra, anche di case disabitate, durante il periodo natalizio,;
  • abbellimento del villaggio con fiori e decorazioni nel periodo estivo;
  • restauro e ripristino di beni storico culturali (ad esempio la grande croce di legno);
  • collaborazione nella costruzione di piccoli luoghi di fede (la cappelletta della Madonnina).

Per essere costantemente aggiornati su ciò che accade a Cueli è possibile consultare la pagina Facebook “NOI DEI CUELI”.

2018-04-12T10:40:26+00:00