Covelo del Rio Malo

Un antico rifugio per i soldati

Poco prima di arrivare all’abitato dei Piccoli, in posizione dominante e risalente al 1027, vi è un’ampia cavità naturale di origine carsica che si apre su un’alta parete di roccia, oggi accessibile attraverso una scala di ferro; prende il nome di Còvelo del Rio Malo poiché scorre a poca distanza dell’omonimo torrente.

Data la sua particolare conformazione, il còvelo fu utilizzato come rifugio e ricovero per i soldati che prestavano servizio di guardia e che sulla strada sottostante riscuotevano il dazio sulle merci importate. Sulle pareti di roccia, in prossimità dell’ampia apertura, sono ancora visibili gli incassi dove erano infisse le travi che sostenevano l’assito su cui i soldati avranno realizzato il loro alloggio.

La postazione, che dipendeva dal Principe Vescovo (che naturalmente incassava i proventi dell’esazione), fu ceduta nel 1276 alla famiglia dei Belenzani; durante la guerra di Venezia contro la Lega di Cambriai del 1508 fu occupata dalle truppe veneziane, ma al termine del conflitto, nel 1509, fu abbandonata.

2018-04-12T11:11:59+00:00