A Nosellari

 

A te, Nosellari, mio suolo natìo,
il canto del core ti voglio donar.
O bella mia terra, dell’alma desio,
tu sei la mia patria ch’io sento d’amar!

Tu madre di forti, valenti operai,
fedeli al dovere, tenaci al lavor;
tu ricca di sole dai fulgidi rai,
ti sbocciano in seno ranuncoli d’or.

Qui tutto al pensiero sorride e risponde:
il verde del prato, l’azzurro del ciel,
le vette die monti, le valli profonde,
di nevi lucenti il candido vel.

Qui l’ossa de’ padri che dormon sotterra,
qui cento memorie che parlan al cor.
Dell’esul ramingo, che lungi se n’erra,
sospiro e ricordo, mia terra d’amor!

 

Autore Piergiorgio Marzari,
Natio di Nosellari, eccellente per l’incredibile limpidezza nei versi.
ogni paese ha sempre avuto i suoi poeti, talvolta celebri, quasi sempre sconosciuti, pochi eccellenti,
tanti mediocri e strani che sembrano raccontare cose dell’altro mondo.
Ma tutti coloro che vivono in un paese vogliono sempre un gran bene
a coloro che ci fanno ridere e a coloro che ci fanno tornare alla memoria i tempi passati.

2018-07-24T16:13:11+00:00